Browse Category: Guide

Come Proteggere l’Auto dalla Corrosione

Durante l’inverno, con le nevicate e i relativi disagi che ne conseguono, gli addetti alla manutenzione delle strade spargono una notevole quantità di sale e sabbia o ghiaia, in modo da evitare le formazione di ghiaccio. Il sale però, mescolato al fango e all’umidità, accelera la corrosione delle parti metalliche dell’automobile. Con questa guida ti spiego come intervenire per proteggerla.

Molte automobili hanno il rivestimento anticorrosione, ma il pietrisco che viene continuamente scagliato dalle ruote, svolge una vera e propria azione abrasiva che, col passare del tempo rovina questo rivestimento. Prima dell’inverno ti conviene svolgere una manutenzione per aiutare la tua auto a superare la stagione critica. Solleva l’auto sui cric ed esamina le condizioni del rivestimento del sottoscocca.

Solitamente, le case costruttrici applicano un rivestimento bituminoso che poi indurisce all’aria. Per poter ritoccare le parti eventualmente danneggiate, devi usare lo stesso tipo di rivestimento. Gratta le scaglie staccate e ripulisci la zona con una spazzola metallica. Tratta poi la parte stendendo un antiruggine adatto. Sul metallo nudo passa una mano di fondo a base di zinco. Lascia asciugare per bene e poi applica con un pennello uno strato isolante molto spesso facendo attenzione a penetrare in tutti gli interstizi e le cavità.

Dopo che hai guidato su strade dove è stato sparso del sale, lava la scocca sotto il parafango appena ti è possibile. Solleva l’auto sui cavalletti e stacca le ruote. Copri i tamburi o i dischi dei freni con dei fogli di plastica attaccandolo con del nastro adesivo. Poi stacca gli accumuli di fango aiutandoti con un bastone di legno. Collega un tubo di gomma da giardino ad un rubinetto, apri l’acqua a forte pressione e lava i parafanghi dirigendo il getto in ogni angolo. Continua fino a quando scende acqua pulita, poi rimonta le ruote e abbassa l’auto.

Come Proteggersi dai Raggi Solari

Quando nei periodi più caldi il Sole comincia a farsi sentire, la nostra pelle viene colpita da raggi che lasciano sul nostro corpo non solo una splendida abbronzatura ma anche dei segni che ci porteremo avanti. Allora, oltre a seguire regole basate sull’esposizione al Sole con buon senso, e proteggendoci anche con creme con alta protezione, ti consiglio di seguire questo metodo, da me stesso utilizzato con ottimi risultati.

Innanzitutto, se hai la pelle molto delicata ed altamente bianca, se puoi, non ti esporre al sole durante le ore più calde della giornata (dalle ore 12 alle 15). Ma per avvicinarti alle prime esposizioni solari, spargiti sempre prima della crema con filtro protettivo alto per almeno il primo mese di esposizione e per tutti i giorni.

Prima dell’esposizione, in una vasca di media grandezza, versa alcuni litri d’acqua molto calda. Aggiungici poi un cucchiaio di polvere di bicarbonato. Mescola il tutto in modo veloce, di modo che l’acqua non si raffreddi troppo. Immergi poi un panno assorbente (va bene anche una spugna) e passa il preparato su tutto il corpo.

Ora, lascia il bicarbonato sciolto sul tuo corpo, per almeno 10 minuti, in modo che la pelle assorba il prodotto. Sciacqua poi abbondantemente il corpo. Asciugati, ma lascia la pelle ancor un pò umida, e dopo ciò passa, accuratamente e spalmandola bene, sull’intero corpo la crema con filtro protettivo, passandola almeno 3 volte durante le ore di esposizioni al sole (attenzione: se ti fai il bagno al mare o in piscina, appena uscito dall’acqua, passa altra crema).

Ora, dopo che hai finito l’esposizione, la pelle ha assorbito i raggi. Fondamentale a questo punto, per eliminare l’eventuale scottatura che genera dei segni sulla nostra pelle, è ripetere il lavaggio di cui ai Passi 2 e 3. Dopo ciò, spremi una foglia di aloe in un recipiente. Immergici una spugna asciutta, assorbi il liquido e passalo su tutto il corpo. L’aloe ha delle proprietà di protezione della pelle che assorbirà l’eventuale scottatura. Ripeti questo trattamento per almeno il primo mese di esposizione al sole.

Come Preparare la Saldatrice per il Lavoro

Il sistema di unione più impiegato nelle costruzioni in ferro consiste nel fondere lungo la giunzione le parti da unire, creando nel contempo un cordone di metallo d’apporto per mezzo della saldatrice elettrica ad arco. Con questa guida potrai imparare a preparare al lavoro questa macchina.

Per prima cosa, la pinza di massa dovrai fare in modo che afferri saldamente uno dei due elementi da saldare. Se il metallo è molto arrugginito, bisogna che tu pulisca accuratamentela zona di contatto. Ora, su metalli verniciati o unti, o rivestiti di materie plastiche, è necessario che tu porti la superficie a nudo per consentire il contatto con la pinza.

A questo punto, dovrai inserire l’elettrodo, che è possibile scegliere seguendo la guida pubblicata su Iosaldo.com, nella pinza portaelettrodo premendo la leva che allarga le ganasce, esse ritorneranno in posizione grazie ad una molla. Una volta fatto, a seconda della posizione di saldatura, l’elettrodo lo potrai inserire con diverse angolazioni, grazie alle diverse scanalature presenti nella testa della pinza.

Una volta fatto, la corrente di saldatura, che determinala potenza dell’arco, dovrai regolarla ruotando un volantino posto sul frontale della saldatrice. Ora il valore della corrente di saldatura, è segnalato dalla posizione di un indice su una scala. L’intensità della corrente dovrai commisurarla al tipo di elettrodo che userai.

A questo punto, collega la saldatrice a una presa di corrente che sia opportunamente protetta da fusibili o da interruttore automatico di adeguata portata. Inoltre, per la saldatura, dovrai procurarti una maschera dotata di vetro inattinico per proteggere gli occhi dalla notevole luminosità dell’arco.

Come Proteggere la Propria Pelle sulla Neve

Finalmente è arrivato il momento della tua vacanza sulla neve e non sai cosa utilizzare per proteggere la pelle? Devi sapere che in montagna la pelle esposta al sole, al suo riverbero sulla neve ed al freddo, necessita di un’attenzione molto particolare.

In montagna i raggi solari acquistano una potenza elevata e l’aria è fredda, ciò può provocare scottature e disidratazione della pelle esposta a questi eventi. In particolare il viso, il contorno occhi, le labbra ed il naso. Attenta anche agli occhi: proteggili con delle buone lenti scure. Inizialmente la melanina non è ancora attiva.

Infatti occorre qualche giorno per essere attivata e dare la giusta protezione. Quindi, utilizza creme protettive con indici molto alti, tipo 50, ricche di fattori idratanti, nutrienti ed emollienti per contrastare la disidratazione. E’ preferibile acquistarle in farmacia o in erboristeria. Così ti potrai anche far consigliare in base al fototipo.

Utilizza la crema per il contorno occhi, lo stick per le labbra, la crema per il viso, applicandole una ventina di minuti prima dell’esposizione solare. A casa usa solo detergenti molto delicati e senza profumazione. Poi applica un buon doposole ricco di vitamine antiossidanti come le vitamine C ed E. Così contrasterai anche i radicali liberi.

Come Proteggere la Pelle delle Mani dal Freddo

In inverno tra gelo, vento e temperature polari, la pelle delle mani e del viso sono messi alla prova continuamente. Col freddo la pelle si screpola, si secca, si arrossa. L’unica cosa che possiamo fare è quella di cercare riparo nutrendo la nostra pelle. In questa guida alcuni suggerimenti.

Per prima cosa dovrai partire dall’alimentazione, curare l’organismo è sempre il rimedio migliore. Idratati con tantissima frutta e verdura cruda e bevi molta acqua. Cerca di assumere alimenti ricchi di vitamina A (carote, albicocche secche, uova). Questa prima fase infatti sarà preparatoria, servirà a dare maggiori effetti alla cura esterna.

Per quanto riguarda l’idratazione ‘esterna’ un ottimo aiuto lo avrai da creme nutrienti e idratanti, ma dovrai sceglierle con molta attenzione. Devi sapere infatti che le comuni creme corpo contengono in realtà molta acqua, motivo per cui gli inestetismi si limitano per poco tempo, ma il problema non viene risolto.

Se la tua pelle è tendenzialmente grassa il problema del freddo sarà minore, perché lo strato lipidico ti proteggerà maggiormente. Tra gli agenti che rovinano questa naturale barriera difensiva della pelle, ci sono i comuni saponi: meglio evitare lavaggi frequenti, e comunque optare per un prodotto in crema o a base oleosa, particolarmente delicato.

Nello scegliere una crema idratante e nutriente, prediligi quelle a base di avocado o burro di karité, le quali hanno la capacità di limitare l’ evaporazione dell’acqua, rafforzando lo strato lipidico. Un buon metodo per evitare la secchezza è mettere qualche goccia di olio essenziale nella vasca da bagno. Inoltre quando esci dalla vasca, non sfregare con l’asciugamano, ma tampona cosicchè gli oli rimarranno sulla pelle donandoti una fantastica sensazione di morbidezza.

Può capitare di avere la pelle screpolata, spenta e squamata, per risolvere questo fastidioso effetto utilizza lo scrub. Importante che tu lo scelga molto leggero se la tua pelle è irritata, e non fallo più di una volta la settimana sul viso. E per le mani fai degli impacchi nutrienti, avrai cosi’ un tocco finale al tuo trattamento anti freddo.