Come Scegliere Intonaco per Lavori

Capita di dover effettuare in casa delle riparazioni di intonaco che, magari per l’esecuzione di altri lavori si sia rovinato. Questa guida vuole dare alcuni consigli sul tipo di intonaco da acquistare e da utilizzare in base a diverse esigenze.

Per i lavori che riguardano la riparazione di intonaco esterno il tipo di intonaco che dovremmo procedere ad utilizzare è quello tradizionale, detto anche intonaco cemento. Per farlo procederemo a realizzare un impasto di sabbia, calce e cemento. Quest’ultimo componente può essere tranquillamente sostituito anche dal gesso.

intonaco

Per le riparazioni di intonaco delle pareti interne invece potremmo acquistare un intonaco già preconfezionato. In questo tipo il componente principale è la malta di gesso, parzialmente o totalmente essiccata a forno. Tenete sempre conto che l’intonaco preconfezionato può essere facilmente rovinato dall’acqua dopo aver fatto presa, ed è per questo motivo che sconsiglio di utilizzarlo su pareti ubicate all’esterno.

Per quanto riguarda l’intonaco preconfezionato, che è disponibile in ben tre diversi tipi, useremo l’intonaco ritardato semi-idratato per la mano di fondo,. Per prepararlo procedete a mescolare intonaco pronto e sabbia nella proporzione uno a tre. Procedete ad utilizzare l’intonaco anidro per il successivo lavoro di finitura, applicandolo sull’intonaco che avrete realizzato con una passata di intonaco semi-idratato. Nel caso in cui siate dei principianti, ed è la prima volta che vi apprestate ad effettuare dei lavori di intonaco utilizzate l’intonaco leggero pronto, che otterrete con l’aggiunta di sola acqua.

Lascia un commento